corso-pro-training-ddi-subacquea-disabili-monza-2019
Nuovo Corso Pro Training 📝
10 Ottobre 2019
immersione-subacqueo-non-vedente-sicilia-ddi-italy-subacquea-disabilità-3
Ci siamo presi per mano.. ed è cominciata la magia!
28 Ottobre 2019
Show all

Se puoi sognarlo puoi farlo..

capodacqua-per-tutti-subacquea-disabili-ddi-italy- 29

CAPODACQUA PER TUTTI

7-8 SETTEMBRE 2019
E' magico il Lago di Capodacqua.
A Capestrano, persa nei boschi in provincia de L’Aquila, l’atmosfera incantata della piccola Atlantide d'Abruzzo ci accoglie mostrando subito i suoi paesaggi migliori.
Il pungente fresco del mattino è mitigato dal sorgere di un sole vigoroso che a dispetto delle previsioni scalda l'aria ed il cuore dei nostri ragazzi, svegli di buonora ed impazienti di entrare in azione.
Le mute aderenti lasciano intravedere il ritmico espandersi dei toraci, sintomo evidente d'un respiro accelerato che tradisce l’emozione di un momento tanto atteso.
L’acqua trasparente del lago è davanti a noi.
Osserviamo le pietre affioranti, rivelatrici delle rovine sommerse di un antico mulino; ascoltiamo l’affascinante racconto di ciò che fra poco vedremo da vicino: siamo pronti.
Ma facciamo prima un passo indietro e ripartiamo dall’inizio…

Mesi fa, quando abbiamo "liberato la fantasia" pensando a quest’attività, eravamo consapevoli che sarebbe stato un progetto difficile da realizzare.
La vicinanza con il termine delle vacanze estive, gli impegni delle famiglie per l’imminente apertura delle scuole, i costi da sostenere, le difficoltà logistiche e le centinaia di chilometri da percorrere in così poco tempo.. ostacoli apparentemente insormontabili fra noi e l'obiettivo.
L’idea però ci piaceva davvero tanto, valeva la pena almeno di provarci. Data la premessa, la risposta del gruppo ci ha invece sorpreso con moltissime adesioni ricevute in poche ore dalla proposta. Decisamente oltre ogni aspettativa. Evidentemente non avevamo considerato la voglia di tornare fare cose insieme dopo la pausa estiva.
Istruttori, staff, allievi e subacquei riempiono in un attimo il bus messo a disposizione da DDI Italy.
Altri, organizzati in autonomia da tutta Italia, puntano il navigatore su Capestrano.
Più di 100 persone mosse dalla passione e pronte ad offrire il contributo della propria partecipazione.
Una chiacchera, una battuta, i racconti di una bella estate ormai alle spalle; il viaggio vola via senza farsi sentire.
All'arrivo ci aspetta un'allegra serata, tutti insieme per cena nel nostro solito clima di festa e amicizia.
Il gruppone si divide per la notte, ma é solo a causa della ridotta capienza delle diverse, bellissime, strutture ospitanti. Protetti dagli spessi muri delle confortevoli camere, gli occhi stanchi aperti nel buio e le orecchie perse in un silenzio vero, respiriamo sensazioni strane a cui noi cittadini non siamo abituati. Attimi di pace per riconciliare l’animo e riordinare i pensieri prima di scivolare, senza accorgerci, nel ristoro di un sonno profondo.
Ed è già mattina.. Il lago ci aspetta!
Siamo in tantissimi: 45 subacquei, 15 con disabilità divisi in gruppetti equilibrati, per non intasare l’itinerario sommerso proposto dall’organizzazione.
Il dettagliato briefing condotto dalle guide locali di Atlantide Scuola Sommozzatori ci racconta gli aspetti più affascinanti e misteriosi di questo lago. I 2 splendidi mulini realizzati in età medioevale e oggi sommersi lo rendono un richiamo di interesse per gli appassionati di immersione di tutto il mondo.
Iniziano le immersioni..
La trasparenza dell’acqua ci stupisce al punto da farci dimenticare per un attimo la temperatura del lago: l’acqua a meno di 10° accarezza le schiene, un brivido che subito si fonde con il successivo, altrettanto forte, dovuto all’emozione che stiamo vivendo.
Con le pietre dei mulini davanti, il racconto ascoltato pochi attimi prima dell’immersione ci aiuta a ricomporre la complessità di un paesaggio rurale rimasto vivo e produttivo per secoli, congelato e conservato con cura dalla purezza cristallina delle acque che hanno riempito l’invaso voluto dall’uomo.
I gruppi che si susseguono nell’ingresso in acqua sono accumunati dall’identica soddisfazione rivelata dal sorriso stampato sui volti di tutti all’uscita.
Meraviglia, gioia, emozione sono i sentimenti che insieme alle persone emergono dal lago.
Giusto il tempo di appoggiare sul prato l’attrezzatura per bere un the caldo e gli amici di DAN Europe ci chiamano ed accolgono nel gazebo allestito per raccogliere informazioni e monitoraggi utili alla ricerca medica sulle reazioni del fisico alle immersioni subacquee in acque fredde. Un’attività questa che ci permette di mettere a fattor comune le nostre esperienze a beneficio di tutti, nell’ambito di una leale e collaudata collaborazione con i professionisti DAN.
Le immagini colte al volo dalle varie action cam colorano i racconti dei sub appena riemersi, nell’attesa impaziente di poter condividere il capolavoro delle riprese fatte in acqua dall’amico Rosario Scariati che ci ha onorato della sua partecipazione.
Ben 4 ore continuative in acqua per regalare a tutti, anche a chi non c’era, il miglior ricordo dell’impresa.
Come ogni attività, per quanto bellissima, inevitabilmente anche questa volge al termine.
Ci riuniamo per pranzo - sembrava un matrimonio ;) - e per la rituale consegna di attestati di partecipazione e dei ringraziamenti.
Un ultimo arrivederci a tutti e ci apprestiamo a riprendere il bus per tornare a casa, felici per aver vissuto al 100% qualcosa di talmente grande da spostare per un attimo in secondo piano quelle stesse disabilità che solitamente, in altri contesti, condizionano senza tregua la vita.

VIDEO

Vi lasciamo alla visione del video e vi aspettiamo per la prossima avventura.