2kmdd
2KMDD – Mountain, Dive & Disability
20 giugno 2017
ddi-italy-y-40
Y-40 per tutti!
4 settembre 2017
Show all

Lassù sulle montagne..

subacquea-disabilita-immersione-montagna-lago-2kmdd-gruppo

La nostra spedizione in alta quota

Pochi giorni fa, nei giorni 21, 22 e 23 luglio 2017, i subacquei di DDI Italy insieme agli amici di Dark Side – Non Conventional Dives, con l'impresa 2KMDD (2000 m - Mountain, Dive & Disability) hanno di fatto stravolto il paradigma della consuetudine e cancellato ogni luogo comune che, storicamente, precludeva l’accesso alla pratica sportiva della disciplina subacquea a persone con disabilità fisiche e sensoriali.
L’impresa, monitorata dai tecnici di DAN Research sotto il profilo clinico, supportata logisticamente dal gruppo Fuoristrada Club Lomazzo, dai volontari del CAI di Bergamo e da numerosi volontari spontanei, si è svolta nel cuore delle Alpi Orobie, con base presso il rifugio 'Fratelli Longo'.
L’obiettivo di effettuare un'immersione nel suggestivo Lago del Diavolo a Carona (BG), a quota 2146 s.l.m., affrontando fisicamente tutte le difficoltà derivanti dalle caratteristiche impervie delle vie d’accesso all’invaso, è stato raggiunto e superato da tutti i partecipanti.
La condizione di disabilità di tre dei componenti della spedizione, considerata nell’organizzazione fin dalle prime pianificazioni progettuali, non è stata motivo di esclusione delle persone.
I ragazzi hanno avuto la possibilità di raggiungere il sito d'immersione grazie a due specifici ausili messi a disposizione dalle associazioni Disabili Abili e da Disabili in Corsa, una carrozzina elettrica 4x4 fuoristrada e una joelette.
Il successo ottenuto, oltre le migliori aspettative, dimostra una volta come il reale limite non sia mai costituito dalla disabilità in sé. Una corretta organizzazione, la forza di un gruppo coeso e focalizzato sugli obiettivi, supportato da una preparazione adeguata di tutte le persone, possono rendere accessibile ogni impresa. Quindi, la coerenza della preparazione e non la disabilità, è il vero limite con cui bisogna confrontarsi. 
Quasi in secondo piano, a questo punto, passa la piacevole immersione fatta con gioia, insieme, in questo meraviglioso scenario in mezzo alle montagne, così inconsueto ed emozionante per noi, subacquei di mare.