sharm-el-sheikh-vacanza-ddi-2019-subacquea-disabilita-0
DDI a Sharm El Sheikh: l’avventura continua! 🇪🇬🐫🌊
19 Giugno 2019
festa-estate-ddi-2019-subacquea-disabilita
Festa D’Estate DDI! ☀️
8 Luglio 2019
Show all

Adoro fare diving.. e voi siete i miei amici!

esami-loano-2019-subacquea-disabilita-ddi-italy-1

Parole..

Tutti usiamo ‘parole’ per descrivere luoghi, colori, esprimere pensieri, raccontare esperienze, condividere emozioni, costruire relazioni.

Tutti usiamo ‘parole’ anche per standardizzare processi o catalogare per comodità oggetti e persone in base a caratteristiche più o meno comuni.

Spesso, però, lo facciamo senza pensare troppo a cosa in realtà possano significare quelle parole per chi si trova ad esserne suo malgrado destinatario. Ed in questi casi le parole si trasformano in etichette, di quelle che non si staccano facilmente dalla schiena delle persone che le ricevono. Ad esempio, handicap, disabili, disabilità… mostrano il fianco a luoghi comuni insidiosi, complicano situazioni, rapporti e negano opportunità a prescindere.

'Tanto quelli così non…'

Queste sono parole ‘pesanti’ usate spesso solo per nascondere l’arroganza di chi le pronuncia con leggerezza, a volte per ignoranza vera, a volte per mascherare la cinica scelta di non dedicare tempo ed attenzione a ciò che si presenta come troppo difficile (o costoso) da affrontare.

Ma come è possibile catalogare le persone? In base a cosa? Quali sono le caratteristiche fisiche che possono freddamente inserire in cluster gli individui? Ed ancora, chi stabilisce i limiti di cosa le persone clusterizzate possono o non possono fare e fin dove possono arrivare?

Da quest’angolazione risulta facile vedere e capire che si tratta di un processo inutile e malato, dove le persone passano in secondo piano, quasi come se non fossero più persone ma solo casi o peggio, problemi da gestire.

DDI Italy, la nostra associazione, ha scelto una strada diversa partendo da tre presupposti imprescindibili: la persona, il potenziale individuale, la forza della passione. In quest’ottica, 'subacquea per tutti' il motto che ci accompagna da sempre, ci mostra un significato diverso dal semplice richiamo delle singole parole che lo compongono. Ci indica un valore più grande ed un percorso di lavoro, forse più complesso e faticoso, che può portare a risultati che ancora oggi ad alcuni suonano come incredibili.

E se parliamo di risultati…

Tempo di esami per i ragazzi del #laboratorioDDI

LOANO (SV), 15/16 GIUGNO 2019
E’ una macchina imponente quella messa in moto dall’organizzazione DDI, più di 100 persone fra staff ed accompagnatori ed oltre 50 subacquei in acqua assistiti dalla potente logistica del 'Marina Diving' di Loano (SV) messa a disposizione da Corrado con grande cuore e capacità manageriale.
Due giornate intense svolte senza intoppi garantendo a tutti ed in sicurezza la possibilità di dimostrare le abilità acquisite nei mesi di corso passate in piscina.
Centinaia di tuffi dove l’inevitabile tensione iniziale ha gradualmente lasciato il posto alla voglia di divertirsi nel blu limpido e generoso.
Pesci di ogni tipo, polpi, mure... ed i colori vivi dei fondali dell’Isola della Gallinara ad incorniciare un quadro stupendo, un mare frizzante di bolle e passione, con i gabbiani curiosi ad osservare i volti ed ascoltare gli echi della gioia delle persone rimbalzare sugli scogli dell’isola...
Ma le vere sorprese sono arrivate la sera, alla cerimonia per la consegna dei brevetti.
Istruttori ed allievi felici di dare e ricevere le meritate certificazioni, occhi lucidi, voce rotta dal sale e dall’emozione... e le parole sincere e spontanee dei ragazzi che con genuinità hanno voluto condividere la propria soddisfazione. Gratificazioni arrivate da tutti, anche da quelli da cui, forse proprio per colpa di quelle antiche etichette, nessuno se l’aspettava... ed è così che sono arrivate come una fucilata, davanti a 100 persone le parole di Davide, ragazzo autistico..

…adoro fare diving e.. questi sono i miei amici!”

Le migliori parole, quelle di Davide, per capire che percorriamo la strada giusta. Il rispetto delle persone e dei tempi di ognuno, la capacità di fare un passo indietro per valorizzare il lavoro di tutti senza smanie di protagonismo, il calore della passione e la professionalità degli istruttori che credono nel nostro metodo fanno la differenza.
Queste motivazioni, a dispetto di ogni difficoltà economica ed organizzativa che nel quotidiano ci sbarrano il cammino, ci spingono ad andare avanti spazzando via ogni fatica.

Ci vediamo presto con nuove imprese insieme ai ragazzi di DDI Italy!

#subacqueapertutti

EMOZIONATI!

GUARDA IL VIDEO..